Racconti semiseri di una coppia adottiva.

Stiamo facendo una passeggiata nella via principale della città. Nostro figlio è stanco ed annoiato, non ha più voglia di camminare ed allora ci accordiamo per un "breve" passaggio in braccio fino alla fermata dell'autobus. Da dietro le spalle sento una voce di donna che esclama ad alta voce: “Ma che bel cioccolatino!"
A quell'aggettivo mi sale immediatamente una rabbia intensa; "ma chi cavolo crede di essere e/o fare questa cretina!" penso mentre mi volto per rispondere per le rime...

Commenta (0 Commenti)

Racconti semiseri di una coppia adottiva.

[dropcap cap=P][/dropcap]ortiamo nostro figlio in ospedale per la visita con il chirurgo prima di un intervento. (niente di particolarmente grave comunque)
Ricordiamo che il nostro bimbo è decisamente marrone scuro e noi decisamente marrone molto  molto chiaro.


“Allora sdraiati su questo lettino.. bravo, ora fammi vedere..”, il chirurgo con molta pazienza e tranquillità trasforma la naturale paura di nostro figlio in complicità e lo visita in maniera approfondita:

Commenta (0 Commenti)

Pubblico un'altro stralcio di una lettera di Marco, Barbara, Grace ed Hubert dal Burkina!

Eccoci qua, con la nostra prima vera pagina di diario dal Burkina. Ci scusiamo per il ritardo
 ……alla sera siamo tutti molto stanchi e non riusciamo mai a fare tutte le cose che vorremmo.
 I bimbi , il caldo, la scuola, la terra; ad esempio ora Marco e Hubert mentre noi stiamo scrivendo (sono le 21) dormono alla grande!!!

Commenta (0 Commenti)

Racconti semiseri di una coppia adottiva.

Fra i tanti dubbi che possono passare per la mente di una coppia di genitori adottivi c'è la modalità con cui dire al proprio figlio/a del perchè è stato adottato.

Una sera come tante altre aspettando l'ora di cena stavo controllando la posta al computer mentre nostro figlio giocava in sala vicino a me.
"Papà dov'è la mamma?"
"Penso sia in cucina a preparare la cen..."

Commenta (0 Commenti)

Pubblico uno stralcio della mail di Marco e Barbara che mi hanno inviato dal Burkina Faso

Un messaggio veloce per salutarvi;
tanto caldo e polvere; Hubert sta bene ed è con noi da domenica mattina, la è notte passata bene, ha già capito chiaramente chi
è la mamma e non la molla un attimo.....si muove tanto e gattona come un fulmine; facile che cammini presto; fa tanta tanta c...a per via dei denti.
Grace è contenta, soffre un pò come noi il caldo, l'adattamento, e la terra e polvere, ma oggi pomeriggio é venuta 2 ore in giro per Ouagadougu con me e Abodou in moto (prima non voleva venire), poi immaginate come è andata a finire.....
tranquilli Hubert e la mamma erano a casa.

Nei prossimi giorni un resoconto più dettagliato,
un bacio a tutti da Hubert, Grace, Garbara e Marco

Commenta (0 Commenti)

Ecco l'ultima lettera inivatami da Marco e Barbara dal Burkina
Diario da Ouagadougou, ...
Allora stasera si parte e si torna in Italia; dopo una suspense dell’ultimo minuto, il passaporto di Hubert è
arrivato Lunedì mattina.
E’ difficile raccontare queste ultime giornate, non tanto per quanto abbiamo fatto, ma per la sensazione legata alla partenza. Grace è contenta di tornare a casa per vedere i suoi compagni,le sue maestre, i suoi nonni, gli zii e gli amici, cos' come lo siamo noi,ma al tempo stesso è molto dispiaciuta e non vorrebbe partire. Le piace stare qui,probabilmente ancor di più perché in vacanza con la sua mamma ed il papà, con il nuovo fratellino, con poca scuola da fare e tante gite in motorino da godersi.

Commenta (0 Commenti)