Il 12 maggio 2017, nell'aula magna del Liceo Andrea D'Oria, si è svolto il Convegno, organizzato dalla nostra Associazione in collaborazione con CARE, "La scuola che vorrei" .
A beneficio sia di coloro che hanno partecipato sia di coloro che non hanno potuto essere lì con noi, vi proponiamo i vari interventi.

Intervento di Anna Maria Guerrieri - Presidente Ass "Genitori si diventa" - Vicepresidente Care

Saluto di Luca Maria Lenti - Dirigente USR Liguria

Intervento di Anna Maria Frigerio - Nucleo Sovrazonale Adozioni ASL3

Intervento di Alessandra Guidali - Psicologa e psicoterapeuta

Intervento di Alessandra Calabrese - Psicologa, Servizio Psicosociale CRI

Conclusioni e saluti di Antonio Carvelli - Referente FoRAGS per l'USR Liguria

Commenta (0 Commenti)

La nostra Associazione è stata chiamata, insieme ad altre, a far parte del Forum Regionale delle Associazioni Genitori. Questa nuova partecipazione ci spinge ancora di più a continuare il nostro lavoro di volontari nel settore della tutela dei minori.

Decreto nomina componenti Forags

Commenta (0 Commenti)

Come forse saprete il 17 ottobre Batya ha partecipato al Family lab che si è tenuto a Roma (sul sito del coordinamento CARE trovate i dettagli del programma).
Prima di tutto vogliamo ringraziare Monya Ferritti, Anna Guerrieri e tutto il CARE per la splendida organizzazione e soprattutto per essere riusciti a riunire attorno ad un tavolo associazioni di genitori adottivi, enti autorizzati e politici.

Commenta (0 Commenti)
Il tesoriere di Batya ci rammenta...
 
Carissimi,
 
scrivo a tutti voi per ricordare che, essendo cominciato il nuovo anno, è il momento di rinnovare la quota associativa di Batya che, come per gli scorsi anni, è ancora di € 50,00 all’anno.
 
La quota, come al solito, può essere versata:
  • in contanti presso la nostra sede
  • con bonifico bancario sul c/c n. 2584 intestato a Batya presso la sede di Genova di IW Bank P.I. (cod IBAN IT58K0308301400000000002584) con causale quota associativa 2017
  • sul c/c postale 21238167 (cod IBAN IT69I0760101400000021238167)
Un abbraccio a tutti
 
Giovanni, tesoriere
 
 
Commenta (0 Commenti)

Comunicato stampa
Roma, 17 giugno 2013

Infanzia Italia: Gruppo CRC, l’Italia non è un “paese per bambini”. Ancora lontani dagli

obiettivi europei nelle politiche per l’infanzia. Solo il 13,5% dei bambini ha accesso ai servizi

per l’infanzia e agli asili nido, con opportunità ancor più ridotte nel Sud e nelle Isole. Ancora

troppi i minorenni nella fascia di età 0/5 fuori dalla propria famiglia di origine che vengono

accolti nelle comunità rispetto all’affido familiare.

Diffuso il 7°Rapporto su “I diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia” a cura del Gruppo CRC, alla presenza del

Ministro per il lavoro e le politiche sociali Giuliano Poletti e dell’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza,

Vincenzo Spadafora. Necessario un impegno immediato del Governo a investire nell’infanzia.

I problemi dell’adolescenza e dell’infanzia in Italia restano fortemente segnati da un contesto di

difficoltà economica e povertà, ma la scarsità di servizi sociali ed educativi che supportino i minorenni,

fanno pagare loro un prezzo ancora più alto. Nonostante numerose evidenze scientifiche, dalle

neuroscienze all'economia dello sviluppo, sottolineino l’importanza delle primissime epoche della vita

per lo sviluppo cognitivo, emotivo, sociale e dell'equità dell'individuo, con effetti che durano per tutto il

corso della vita, sembra che l’Italia “non sia un Paese per bambini”.

Commenta (0 Commenti)

 Attenzione: Variazione Data

Causa sciopero nazionale generale della scuola di  venerdì 20 maggio il seminario viene spostato al giorno 27

Vi trasmettiamo l’invito al Seminario 

“La Scuola accogliente. Insegnati e famiglie insieme nel percorso scolastico dei bambini adottati e in affido
che si terrà il 27 maggio 2016 alle ore 15,00 presso il salone della Scuola Primaria ‘Giano Grillo’ in salita delle Battistine a Genova.
L’argomento è decisamente importante per le bambine ed i bambini che si avvicinano per la prima volta o già frequentano la scuola ma anche per gli insegnanti e le famiglie che sono chiamati ad accompagnarli.
Mentre Vi invitiamo a partecipare, Vi saremmo grati se vorrete dare la massima pubblicità all’iniziativa.

Commenta (0 Commenti)