Dopo quanto abbiamo segnalato nei giorni scorsi circa la prossima istituzione di una “Ruota degli esposti” - di medievale memoria - a Paternò, nei pressi di Catania (vedi articolo) , apprendiamo oggi la notizia che Milano (la città che si vanta di essere la culla della civiltà industriale italiana) non ha voluto essere da meno.

Commenta (0 Commenti)

Leggiamo sul Giornale di Sicilia del 16 luglio 2007 che a Paternò, vicino a Catania, verrà inaugurata una culla climatizzata per bambini abbandonati. Questo strumento, dotato di particolari sensori elettronici dovrebbe funzionare come luogo protetto in cui lasciare neonati abbandonati.


Commenta (0 Commenti)

articolo originale da l'Unità del 9 luglio 2007

Pubblichiamo la risposta di Francesco Ottonello, presidente di Batya, ad un'articolo di Maurizio Chierici apparso su l'Unità del 9 Luglio scorso.

Commenta (0 Commenti)
Secondo quanto riportano molti giornali, la banca dati nazionale dei minori dichiarati in stato di abbandono comincerebbe ad essere operativa dal 1 ottobre.
 
Ci auguriamo che questo avvenga. Se pensiamo che la norma istitutiva di questa banca dati è la legge 149 del 2001, l'attesa è stata lunga. Questo sarebbe un primo fondamentale strumento utile per quei minori dichiarati in stato di adottabilità che, date le loro condizioni, non riescono facilmente a trovare una famiglia. Si tratta di circa 100 ogni anno.
Le caratteristiche dovrebbero essere le seguenti:
Registro dei minori dichiarati in stato di adottabilità, con i loro dati anagrafici, descrizione delle condizioni di salute, storia della famiglia di provenienza, esistenza di eventuali fratelli.
Registro delle coppie dichiarate idonee all'adozione.
La banca dati sarà a disposizione solo dei Tribunali per i minorenni, delle Procure della Repubblica presso i Tribunali dei minorenni.
Commenta (0 Commenti)

Lettera aperta al Ministro della Famiglia Rosy Bindi e al Ministro della Solidarietà Sociale Paolo Ferrero, al Sottosegretario alla Famiglia, Chiara Acciarini, al Sottosegretario della Solidarietà sociale Cristina De Luca, alla Presidente ed ai Componenti della CAI (Commissione per le Adozioni Internazionali)

 

Commenta (0 Commenti)